Sostituzione schermo di messa a fuoco Canon EOS

Su alcuni modelli di fotocamere PRO e SEMI-PRO Canon da la possibilità all'utente di acquistare e quindi sostituire in proprio lo schermo di messa a fuoco, senza un intervento in Canon da parte di tecnici specializzati (soluzione comunque consigliata per chi non si sentisse troppo sicuro di se, considerando che è comunque possibile compromettere seriamente il proprio corpo macchina se l'operazione non venisse eseguita in maniera certosina).
Ve ne sono di diversi tipi, per macchine full frame e per formati APS-C, ciascuno con le proprie caratteristiche e peculiarità; per citarne un paio del formato ridotto:


EF-D: pensato per l'utilizzo generico con ogni tipo di obbiettivo, porta con se uno schema a griglie adatto per controllare verticalizzazioni e regole dei terzi.








EF-S: consigliato per l'utilizzo con obbiettivi di qualità, con apertura da f1.4 a f2.8. Capace di aumentare la sfocatura nelle aree leggermente fuori fuoco consentendo in tal modo una messa a fuoco più accurata nel punto in cui si desidera, ideale, ad esempio, per la fotografia macro.



Ho trovato un video molto esplicativo scartabellando per la rete che inserisco a titolo di istruzioni per la sostituzione, è in lingua inglese, quindi i non anglofoni potrebbero storcere il naso, ma sono certo che non c'è alcun bisogno di audio vista la cura e la meticolosità con cui è stato realizzato:



Va da se che, qualora decideste di cimentarvi nella sostituzione, non mi assumo nessuna responsabilità, implicita od esplicita, circa gli esiti ottenuti.

2 commenta:

Posta un commento

Lascia liberamente un commento.

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More